Avrage B2B Publishing

Hi, what are you looking for?

Mercato

Indici ISTAT e caro prezzi alimentari

istat-caro-prezzi-alimentari-food

I prezzi continuano a salire: i dati ISTAT.

ANIR Confindustria: «Servono interventi urgenti per fornire un servizio di pasti pubblici all’altezza». Gli indici ISTAT sul caro prezzi.

I dati

Le nuove rilevazioni ISTAT purtroppo non sono di conforto per il settore della ristorazione collettiva. Il rallentamento dell’inflazione, che viene registrato dall’Istituto di Statistica su costi come quello dell’energia, viene vanificato dal continuo aumento degli alimentari non lavorati, che passano da un + 8,8% ad un 9,4% e da un rallentamento troppo tenue degli alimentari lavorati, che passano da un + 13,2% ad un + 11,5%.

«Per il nostro settore» afferma Massimo Piacenti, Presidente di ANIR Confindustria, «che si trova ad affrontare questo continuo aumento dei prezzi da troppo tempo, senza alcun riconoscimento degli aumenti determinato da una copertura stabile come quella normativa, si tratta di una situazione che si fa sempre critica. Temiamo che a settembre possa già determinare effetti sui servizi che offriamo, e quindi sui cittadini che ne fruiscono, e sui nostri lavoratori. Cerchiamo di guardare al futuro con consapevolezza, stiamo stringendo accordi di sistema importanti per migliorare la qualità del nostro servizio, come quello con Coldiretti, e nuove collaborazioni, come quella con Cittadinanzattiva. Ci troviamo però sempre di fronte a rilevazioni che parlano di un aumento dei beni alimentari, a cui sempre più spesso corrisponde un gestore pubblico che fa finta di niente. Con siccità e crisi del grano in vista, non pensiamo che la situazione migliori e temiamo si possa addirittura avere un peggioramento a breve. Credo sia il caso di concretizzare con interventi immediati il dialogo che con il governo va avanti da tempo, grazie alle interlocuzioni con Ministero dell’Economia e delle Finanze e con il Ministero delle Imprese e del Made in Italy. Ci stiamo caricando inoltre di un lavoro enorme, per far presenti queste difficoltà alle stazioni appaltanti che gestiscono il servizio di ristorazione collettiva pubblico. Credo sia convinzione ormai diffusa per tutte le parti in gioco, quella di voler fornire il servizio pubblico delle mense nelle migliori condizioni possibili, per farlo va ora riconosciuto questo infinito aumento dei prezzi anche alle aziende che lo sostengono».

-
-

Potrebbero interessarti

Acqua e bevande

Sibeg Coca-Cola: Intesa Sanpaolo e SACE investono 10 milioni per lo sviluppo sostenibile.

Acqua e bevande

Un omaggio dedicato alla Città Eterna: Ferrarelle Società Benefit celebra Roma con il lancio di una nuova bottiglia d’acqua. La Limited Edition dal nome...

Carne

Burger King e Giotto Calendoli presentano Sheriff Burger, il panino del West.

Mercato

Citterio torna al SIAL di Parigii: espansione nei mercati di Francia e Germania.

-