Avrage B2B Publishing

Hi, what are you looking for?

Beverage

Caffè Borbone chiude il 2022 con ricavi in crescita

caffè-borbone-beverage-reddito

Il 2022 di Caffè Borbone.

Caffè Borbone, marchio di riferimento nel business della torrefazione e del caffè porzionato, ha chiuso il 2022 con ricavi pari a 262,7 milioni di euro, in crescita del 4% rispetto all’esercizio precedente.

Il report

Caffè Borbone, marchio di riferimento nel business della torrefazione e del caffè porzionato ha chiuso il 2022 con ricavi pari a 262,7 milioni di euro, in crescita del 4% rispetto all’esercizio precedente, che era stato positivamente influenzato dall’aumento del consumo domestico di caffè dovuto alla pandemia.

Caffè Borbone, nato a Napoli nel 1997, è diventato in pochi anni uno dei i principali produttori specializzati di caffè in cialde compostabili e capsule compatibili, con una fitta rete commerciale sul territorio italiano e internazionale e volumi di vendita in costante crescita. Dal 2018 la società fa parte del gruppo Italmobiliare, che detiene il 60% del capitale.

Analizzando i canali distributivi, l’esercizio 2022 sconta gli impatti di breve periodo legati alla strategia di servire in diretta i negozi specializzati diminuendo il ricorso al canale wholesale, cresce invece a tassi superiori alla media il canale GDO (Grande Distribuzione Organizzata). Incoraggianti i segnali dall’estero, che registra una crescita del 22%. A livello di prodotti, il monoporzionato rimane il prodotto principale e si registra una ripresa delle vendite di caffè in grani (+17% rispetto al 2021, che aveva risentito del rallentamento del canale Ho.Re.Ca. a causa dell’emergenza sanitaria).

Il margine operativo lordo si attesta a 65,8 milioni di euro, con una marginalità sul fatturato di poco superiore al 25% e costi non ricorrenti pari a 2,7 milioni di euro. Al netto di tali costi, il margine operativo è pari a 68,5 milioni di euro. La contrazione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente è da attribuirsi principalmente all’incremento del costo delle materie prime, l’aumento dei costi di trasporto e del costo dell’energia elettrica. Al netto di ammortamenti in lieve crescita, il risultato operativo è pari a 54,8 milioni di euro e l’utile netto dell’esercizio 2022 è pari a 38,8 milioni di euro.
La posizione finanziaria netta al 31 dicembre 2022 è negativa per 20,6 milioni di euro, già al netto della distribuzione di dividendi per 50 milioni di euro (di cui 20 milioni di euro nell’ultimo trimestre). La generazione di cassa al lordo dei dividendi è positiva per 22 milioni di euro, nonostante la crescita di 10,5 milioni di euro del capitale circolante.

Nonostante le difficoltà date dal contesto economico internazionale, siamo riusciti a consolidare la nostra posizione di leadership nel monoporzionato, comparto per cui in Italia risultiamo essere la prima azienda per contribuzione alla crescita della categoria. Gli investimenti in ricerca e sviluppo ci permettono di ampliare, differenziare e innovare costantemente la nostra offerta. ll nostro obiettivo è quello di continuare a espanderci in più canali di vendita con nuovi formati e miscele ad hoc e di spingere l’export con ulteriore crescita nei mercati esteri.” ha dichiarato Marco Schiavon, Amministratore Delegato di Caffè Borbone.

.
-
-

Potrebbero interessarti

Acqua e bevande

Sibeg Coca-Cola: Intesa Sanpaolo e SACE investono 10 milioni per lo sviluppo sostenibile.

Acqua e bevande

Un omaggio dedicato alla Città Eterna: Ferrarelle Società Benefit celebra Roma con il lancio di una nuova bottiglia d’acqua. La Limited Edition dal nome...

Carne

Burger King e Giotto Calendoli presentano Sheriff Burger, il panino del West.

Mercato

Citterio torna al SIAL di Parigii: espansione nei mercati di Francia e Germania.

-