Avrage B2B Publishing

Hi, what are you looking for?

Food

Crescita per l’industria alimentare negli USA anche nel 2024

food-usa-italia-beverage-2024-industria

Nel 2024 continua la crescita per l’industria alimentare.

Grandi prospettive di crescita per l’industria alimentare negli USA anche nel 2024: l’export di prodotti italiani Food&Beverage continua a crescere.

La crescita

Il mercato USA per il settore alimentare italiano è in continua crescita nonostante il complesso scenario internazionale, con la guerra in Ucraina che incide sulla disponibilità delle materie prime e l’aumento dei costi energetici: circa il 70% delle aziende ha mantenuto il livello delle proprie esportazioni nel 2023. “In realtà il mercato nel 2024 può ancora crescere, – afferma Mauro Bandelli, Partner e founder di Gen USA – sia per le caratteristiche che lo rendono iconico, sia per nuove tendenze che offrono nuove opportunità, come ad esempio i ristoranti con lo spazio per la vendita di prodotti alimentari, in particolare italiani, che sta guadagnando popolarità”.

Alimenti vegani o gluten free, farine particolari per la preparazione della pizza, Pinsa romana e più in generale tutti quegli alimenti che rimandano al naturale, salutare, biologico. Sono queste le caratteristiche che secondo i buyers coinvolti da Gen USA hanno maggiore possibilità di essere apprezzati all’interno del mercato americano. Il motivo? Si tratta di ingredienti che vengono impiegati in ricette semplici che rimandano al passato e alla tradizione italiana. Ma al di là della tradizione, il mercato ricerca prodotti non processati e senza stabilizzanti che supportano durate di conservazione più lunghe ma alterano i sapori e non danno il concetto di naturalezza che ci si aspetta adesso. Il trend attuale negli Stati Uniti – conseguente anche al Covid – riguarda una maggiore attenzione alla qualità e all’esclusività degli ingredienti in generale, ma anche un alto livello di “Experience” nel settore della ristorazione, in termini di servizio, e della presentazione dei piatti, caratteristiche che gli americani ritrovano nel mondo Made in Italy. Non solo. Preferiscono spendere di più ma avere più qualità e sanno riconoscere se hanno di fronte prodotti fake o provenienti realmente dall’Italia.

Per avere successo nel mercato USA le aziende italiane devono tenere in considerazione due aspetti fondamentali: per il consumatore americano sono molto importanti la qualità e l’artigianalità dei prodotti e l’attenzione alla distribuzione. – continua Bandelli – Si tratta di un mercato molto grande con regole precise e differenti rispetto all’Italia, bisogna essere preparati anche dal punto di vista normativo regolamentato dalla FDA/USDA ed è indispensabile mettersi in regola prima di esportare i propri prodotti; è importante per esempio che i prodotti italiani siano forniti di un’etichetta in lingua inglese approvata da questa regolamentazione. I buyer locali giocano un ruolo fondamentale per entrare nel mercato USA, ma aprire un contatto con loro richiede una conoscenza pregressa e diretta difficile da realizzare in breve tempo se non si è già conosciuti; dopodiché è necessario dar loro un supporto costante sul territorio per assicurarsi che il posizionamento e i punti di forza dei prodotti vengano trasmessi in maniera efficace. Il compito di Gen USA è proprio quello di facilitare questo incontro e supportare le aziende in tutto il processo di internazionalizzazione verso questo mercato”.

-
-

Potrebbero interessarti

Acqua e bevande

Sibeg Coca-Cola: Intesa Sanpaolo e SACE investono 10 milioni per lo sviluppo sostenibile.

Acqua e bevande

Un omaggio dedicato alla Città Eterna: Ferrarelle Società Benefit celebra Roma con il lancio di una nuova bottiglia d’acqua. La Limited Edition dal nome...

Carne

Burger King e Giotto Calendoli presentano Sheriff Burger, il panino del West.

Mercato

Citterio torna al SIAL di Parigii: espansione nei mercati di Francia e Germania.

-